Social dance tips

Il vademecum del bravo lindy hopper

Ok, volete ballare. Avete atteso il week-end per partecipare alla serata e avete voglia di buttarvi nella social dance. Vi siete agghindati e vestiti a dovere, le scarpe per swingare fino a tardi le avete, chiavi della macchina, gli spicci…bene, è ora di andare in pista! Ma come? Ecco, se avete già calcato qualche dance floor saprete che non ci sono dogmi da seguire, se non l’imperativo dello spasso, ma che, comunque, è buona condotta seguire un’utile etichetta del bravo lindy hopper. Calma, non ci sono né pagelle né note sul registro, ma semplicemente buone prassi e consuetudini che rendono questa esperienza ancora migliore.

L'INVITO AL BALLO. Che siate leader o follower non importa, chiedere di condividere un ballo è il vostro biglietto per il divertimento, e potete farlo con chiunque. “Ti va di ballare?”, “Mi concedi questo ballo?”, sono ottime presentazioni. Di certo, strattonare il braccio di chi avete invitato, magari senza domandare nulla, non è affatto carino, anzi piuttosto fastidioso!

Siate sempre gentili, e non offendetevi se il vostro invito viene rifiutato! Chiunque può voler declinare, voler fare una pausa, o chiacchierare con qualcuno in quell’istante. Non prendetela sul personale! Magari ritentate più tardi, o domandate per il pezzo seguente. Non spaventatevi se nessuno lo chiede a voi: non avete nessuna stranezza. Per ovviare, buttatevi e invitate qualcuno, non importa quanto sia più esperto; la pista è fatta per ballare e incontrarsi, perciò non sentite il timore della timidezza. Ricordate, inoltre, che alcune persone follower spesso non invitano a danzare; ciò non significa che siano irraggiungibili o superbe ma che –probabilmente- sono old-fashioned, ovvero gradirebbero che sia la galanteria di chi è leader a farsi avanti per richiedere un ballo (per così dire, amanti del vecchio stile).

Se, invece, siete voi a voler declinare un invito, non dimenticate che non avete nessun obbligo di motivare la vostra scelta: magari, avete avuto una brutta esperienza nel ballare con la persona interessata in passato. Avete libertà di decidere! Nel caso in cui vi chiedano spiegazioni, potete cogliere l’occasione per affrontare il problema (se esiste)!

Quando avete concluso il ballo, non dimenticate mai di ringraziare: è un gesto cordiale e rispettoso, anche perchè avete appena condiviso qualcosa di bello, e di gentilezza non è mai morto nessuno.

IN PISTA. Ora che avete accettato un invito, o che avete chiesto al partner di ballare, è il momento di scatenarsi, ma attenzione: ciò non significa sbracciarsi o calciare alla rinfusa! Soprattutto se la pista è affollata, sarà inadeguato scegliere di muoversi in un certo “spazio di manovra”. Voi stessi potreste subire un danno, o potrebbe capitare a chi danza con voi. Se proprio desiderate cimentarvi in figure dinamicamente più “aperte”, o nelle aerials, attendete che il dance floor non sia affollato, oppure attendete una jam, in modo da non creare disagi e da non colpire gli altri lindy hoppers. Si chiama social dance, e va goduta nel rispetto di tutti.

Guardate sempre dove state andando, un po’ come qunado si va in strada: fate attenzione alle direzioni degli altri, alle vostre, a quelle che permettete al partner, o a quelle che vi invitano a prendere; a tutti capita di pestare un piede a qualcuno o di ricevere un calcio involontario ma, di sicuro, sappiamo che sarà stato fatto il possibile per evitarlo. Scusatevi sempre, e se urtate una persona creando disagio, assicuratevi che stia bene: il ballo viene dopo!

Un piccolo dettame per chi ama mettere i puntini sulle “i”: a costo di mordervi la lingua, non correggete gli altri ballerini! Ok, avete a cuore che tutti imparino a ballare e s'innamorino del lindy hop tanto quanto voi, ma lasciate che la social dance si svolga in naturalezza e libertà, a meno che, ovviamente, i consigli o gli aggiustamenti non vi vengano espressamente richiesti, o che questo non vi sia permesso da una buona confidenza che avete costruito col il partner in questione.

LA BAND. Sì, lo sappiamo, vi state divertendo un sacco, siete tra amici, vi va di chiacchierare, non avere pensieri o essere "social" anche da fermi. Tuttavia c'è qualcosa che dovrebbe catturare molto la vostra attenzione: i musicisti. La band è quella che ci fa ballare, e concerti live non se ne vivono tanto spesso! Danzare con la musica dal vivo fa davvero la differenza e, anche per questo, è molto gradito che si rispetti il gruppo. Come? Per esempio, non voltando le spalle agli artisti mentre si esibiscono, come a non considerarli nel loro spettacolo; oppure applaudire alla fine dei pezzi che ci dedicano: di certo fa piacere a loro e non vi costerà fatica, data la bravura della band! Un asterisco: vedrete il risultato coi vostri occhi e lo sentirete con le vostre orecchie, la simbiosi che si instaura tra gruppo musicale e ballerini è in grado di dare vita a un'energia inaudita!

BRAVI, BELLI E E RISPETTOSI.  Oramai conoscete tutto ciò che renderà la vostra esperienza in pista grandiosa, ma mettiamo un paio di "nota bene": l’igiene personale e l’abbigliamento. Be’, nessuno vi chiederà di fare un tuffo in una piscina di essenze o profumi, ma di certo una buona cura della persona è gradita. Il dance floor mette a dura prova tutti, si suda, si sta vicini e siamo connessi, perciò è apprezzabile che l’igiene personale aiuti lo stare assieme e la nostra voglia di swingare. Insomma, nulla di più di ciò che fareste durante la tua quotidianità, al lavoro, sul tram o in discoteca. Alcune persone preferiscono portare con sé un cambio o delle salviette per asciugarsi; se deciderete di farlo, non sentitevi in imbarazzo, è un uso abbastanza frequente, e anche educato. Attenzione anche all’outfit! Quel bracciale che vi hanno regalato è bellissimo, d'accordo, ma considerate che potrebbe creare non pochi problemi durante il ballo. Grossi anelli, orologi troppo ingombranti, vestiti che potrebbero creare impiccio ai movimenti, sono tutti imputati. Prevenire è meglio che curare, perciò, quando vi imbellettate, considerate l'utilità di indossare questi sfizi: potrebbero impedire le mosse, tagliare o ferire (anche se in modo lieve) chi balla con voi, oppure potreste anche perderli. Ne vale la pena?

LAST BUT NOT LEAST. Cari lindy hoppers, neofiti o meno, manca la parola d’ordinedivertitevi! Sorridete, lasciatevi andare, godetevi la musica, guardate il partner negli occhi quando ballate e apprezzate ciò che, in controtendenza con i giorni nostri, è davvero “social”: lo stare assieme, di persona, contribuendo a rendere la vostra serata e quella degli altri allegra e spensierata. Questa è la social dance, questo è swing!

 

La Fosca

other articles...


wednesday, September 1
SONGS YOU NEED TO THINK ABOUT
Una riflessione sociale

monday, November 23
TRA SOGNO E REALTÀ
La storia di Swing Dance Society

monday, November 23
"MA IO BALLO GIÀ DA DUE ANNI!"
(e voglio continuare a farlo...)

friday, September 18
OCCHIALI FANTASTICI E DOVE TROVARLI
Uno “sguardo” ai modelli in stile 30s e 40s

friday, September 18
ON THE SUNNY SIDE
Cose lindy-divertenti per alzare l'umore

friday, September 18
SWING SU TELA
Ballo, musica e arti visive

friday, September 18
"JAZZ, BLUES, COOL"
Il significato nascosto delle parole nella musica swing e blues

friday, September 18
THE BIG APPLE DANCE
Storia di una "Grande Mela"

friday, September 18
MUSICA MAESTRA!
Talenti al femminile

tuesday, June 30
HALLOWEEN, VINILI E CINEPRESE...
...e spaventosi consigli musicali

tuesday, June 30
NO COLOR LINE IN THE MUSIC
John Hammond

tuesday, June 30
FRANKIE 105
Un mese di Frankie Manning

tuesday, June 30
LA MISSIONE DEL JAZZ
I Ghetto Swingers e la musica degenerata

tuesday, June 2
"THE WORLD IS A PICTURE"
Scatti di vita e di strade

tuesday, April 21
METTIAMOLI IN PIEGA!
Come acconciare i capelli in stile '40s

wednesday, October 11
ONCE UPON A TIME IT WAS THE BLUES
Breve storia del blues e altro

sunday, July 2
LET'S GO TO SWIM!
Com'erano i costumi da bagno

wednesday, May 31
BYE BYE JACK AND JILL
Vogliamo ancora chiamarlo così?

thursday, May 18
I AM A FOLLOWER!
Seguire, ma non solo

wednesday, November 16
WE'RE FLYING JUST LIKE LINDY DID!
Perché si chiama “Lindy Hop”?